Nuovo nome, nuova pelle

Nel mio divertirmi a fare e disfare, nuovo blog, stesso cuore.

Cercavo un nome che fosse più “mio”. L’ho trovato: Patstrocchi.

Patstrocchiando, mescolo parole, foto, qualche disegno.

I testi sono sempre miei, così come i disegni, mentre per le foto utilizzo anche immagini di terzi.

Tutto nel rispetto del diritto d’autore.

•Pat

Polvere

Non invecchio.
Maturo.
Mi accartoccio, come le foglie.
Secco, anche.
Mi dissolvo, piano.
E tornerò, per una volta lieve,
lì dove tutto è ancora.
[Se mai esiste.]
•Pat

Immagine: Chris Slabber

Per ciò che vale

Per ciò che vale,
una è la ragione
che mi fa svegliare
con il sorriso:
scoprire che ci sono fiori
che ancora fiduciosi
si aprono al mondo
e non smetteranno di farlo.
•Pat

Foto: “Wild about here“, Kriss MacDonald

Casa

Cosa fa casa?
un profumo,
una voce,
un pensiero,
un colore,
chi ci vive,
chi resta…
So che casa é il nido
che mi accoglie,
dove io e me si•amo,
senza maschera,
se, ma, forse.
Casa é dove posso custodire
il mio cuore a nudo.
•Pat


Immagine: Pascal Campion

Experimenta

Quel che dicono le parole,
pensieri sparsi suoni in•sensati.
In•certe onde mi perdo,
smarrita, mi in•vento…
E in•fine sono
[suono idea parola]
pensiero… energia… tutto….
Io.
•Pat

Immagine mia, tecnica mista in digitart, “Experimenta

Arrossisco

Arrossisco
come la rosa al sole,
che ancora non sa
che è suo diritto
spiegare i petali,
espandere il suo profumo.
Arrossisco,
con il peso dei
non puoi“, “non devi
di mille generazioni di donne
a cui hanno strappato
il ricordo di essere Dee.
20/05/19
•Pat


Foto mia

Presagi

Ognuno cerca presagi
in qualcosa che inizia.
Perché dovrebbe
far difetto il giorno?
Anche il bianco gelsomino
e il purpureo melograno
di tanto ridono
in una frenesia di petali.
18/05/18
•Pat

Foto mia